pastaporto

Cos’eri prima del viaggio e cosa sei dopo. Non cosa metti in valigia per andare ma cosa ci metti tornando. l viaggio come apertura mentale, fucina di idee e stimolo al cambiamento. Pastaporto è una finestra su Verona, da cui potrai parlare direttamente alla città di cambiamento, indicare la via, arricchirla della tua esperienza. Perché chi viaggia e poi torna, è e deve essere gli occhi della propria città sul mondo.

Questa rubrica è offerta da Lazzarini Pneusservice srl.

 

Lorenzo Mazzi

Londra e Berlino

Neoneolaureato in arti varie parte alla volta di due capitali a lui ancora ignote: Londra e Berlino. Testa piena di immagini predigerite,  Londra 'na ruotona sul Tamigi e la Tate, Berlino 'na porta su quattro colonne e un muro sbrecciato coi graffiti sopra. Cominci a sfogliare tutti i compari che ti hanno invitato all'ennesima bevuta dicendoti 'uè ciao, parto per Berlino/Londra a cercar fortuna', e giù di verosimili malinconiche, di 'chissà', 'ma', 'se dovessi io andrei', di 'buona fortuna vecchio/a!'.

Li ritrovi là, con la barba cresciuta, con la bici più hipster del west, col ragazzo nuovonuovo dai geni indo-cino-equadoregni. Finchè eri sui libri in patria si sono mappati pezzi di città e ti portano a destra e a manca, entusiasti di sottoporti le loro ultime scoperte, 'dai andiamo all'inaugurazione a Limoncello', 'oh, stasera Vice fa un concerto', 'c'è un festival del sudamerica grande come un quartiere, andiamo?'. E cosa si riporta nella valigia del ritorno il neoneolaureato oltre alla biancheria sporca e gli articoli più fluo del negozio vintage? Partito con la testa piena di battisteri del Cinquecento, di Celant, Deleuze, Artissima, happening e bandi, scopri che non esiste un solo modo di fare arte, che non c'è un'unico bacato sistema:

• gallerie-pettinatissime-per-American-Express-friendly

•spazi-indipendenti-dalle-gallerie-pettinate-ma-dipendenti-dal-rimetterci-soldi-ed-energie-per-promuove-artisti-di-domani-(da-dare-in-pasto-a-gallerie-pettinate)

•Fondazioni-hai-visto-GiovanniAntonio-quanto-siamo-bravi-e-paiettati-a-promuovere-i-giovani-artisti-e-contemporaneamente-ripurci-il-capitale-sporco?

Scopri che a Berlino la licenza per vendere alcolici costa 30 euro l'anno e impieghi 2 settimane per averla, che gli spazi di produzione indipendente della città si sono consociati e hanno un potere contrattuale gigante con l'amministrazione pubblica, che la Biennale della città ospita una riflessione ben ponderata sui fenomeni anticapitalistici autonomi quali We are 99%Occupy X Y, scopri che a Londra i documenti ti arrivano a casa se mandi una mail e la denuncia dei redditi la fai online indicando tu sulla fiducia quanto spendi/guadagni, che la ginecologa è nera ha i rasta e piercing, scopri che fioriscono giovani gallerie senza pettinati dentro, dove la birra te la paghi una sterla, le stampe 30, i disegni 150.

Quindi torni incazzato come una biscia nel tubo di scappamento di un Harley.

Ma un incazzato ottimista, tipo vediamo se anche qua si può fare qualcosa di diverso, di giovane, di fuori dagli schemi geriatrici, di economicamente sostenibile.

Dopodichè incontri la burocrazia.

Buona utopia a tutti.

zp8497586rq
You might also like
X