La Festa della Renga

Pensavate ce ne fossimo dimenticati. E invece no.

Pensavate fossero già passati mesi. E invece no. 3 settimane e sembrava già primavera. Poi per 2 settimane è sembrato inverno. Oggi, da qualche giorno è di nuovo primavera.

E se il riscaldamento globale fosse in realtà uno sballo totale!? Le stagioni non sono solo 4 e non durano 3 mesi ma 25/30 stagioni all’anno che durano forse 2 settimane e che muovono un po’ le acque di questa vita impiegatizia e abitudinaria, davanti al computer a parlare di makers e f|°+e .In realtà, secondo me è un complotto di Zara e H&M supportato dalle lobby del cotone YANKEE per vendere più vestiti. 

Comunque, torniamo all’happening . La Festa de La Renga.

La nuova mondanità. The place to be if you wanna be really AVANTI. Fuck Piazza Erbe, Shit on Veronetta, Go Renga.

I dati rilevanti da un punto di vista socio/antropologico sono almeno 2.

Anzi, ce n’è un terzo che è il più evidente.  Il colore nero va a bomba tra i le orde di over 64. 

13 

Torniamo al primo dato socio/antropologico.

‘Da place to be. La Sagra della Renga;

 

se non ci vai chi stra-c=^#o sei!?

 

L’avanguardia veronese, in pausa pranzo dal lavoro che non ha, va alla Sagra della Renga. I soliti conformisti baretti comodi?! Sei OUT!

Ci trovi la crema della crema, selezionatissima, della scena creativa veronese; i talent scout che scoprono i trend del domani.

Quelli che anche le ragazze stanno disperatamente cercando un modo per farsi crescere la barba per non essere fuori dal gruppo dei sradicat chic.

Più o meno un pranzo “da Basquiat” a NewYork nei primi anni  ’80.

 

Selezione all’entrata, naturalmente.

Maglionaccio anni ’70 d’ordinanza. Capolavoro dell’usato.

8

Maglioncino anni ’90 nero. Si commenta da solo.

10

Protagonisti orgogliosi di selfie d’ordinanza. Consegna degli Oscar = Sagra della Renga

9

Ovviamente qua lo sponsor tecnico è APPLE. Non scherziamo.

7

O Ray-Ban(k), non si scherza un cazzo.

Il secondo?!

Loro.

2

I leggendari Umarell=Vecio. (doveroso tributo alla leggenda della Rete, quello da cui tutti veniamo: http://umarells.wordpress.com/)

Ovunque, erano OVUNQUE. Presenza spettacolosa. Ambasciatori dell’intraprendenza veneta e, al contempo, attori protagonisti e indolenti della quintessenza epicureista campana.  (http://it.wikipedia.org/wiki/Epicureismo)

Ingegneri della coda. Meravigliosi fautori di infinite e interminabili file allo sportello del Bigolo con la Renga in attesa che la divina discenda tra i mortali: indifferenti di fronte alla massa finta pacifista dei sradicat chic, innervositi come broker nella city londinese, imperterriti nel reiterare il fancazzismo estremo. Bellezza totale, ritratto divino della salute: un Caravaggio contemporaneo. Meriterebbero ben di più di un misero articolo di Salmon.

 Oppure…

Quelli al di qua della barricata.

Imperscrutabili segugi, annusano e indagano il cosmo, in formazione compatta e in posizione perlustrativa avanzata a braccia ovviamente riunite sulla schiena.

4

 

Il Mossad è loro. Loro sono il Mossad.

Annusano il diverso, ricercano lo sconto del 5%, fiutano l’affare, schiumano per il risparmio.

3

Mi fanno impazzire. Li odio quanto li amo. Sono il tappo che reprime i giovani creativi di cui sopra. Meglio così forse? O meglio, forse: sono il bastone su cui polleggiano gli stessi creativi di sopra!

Tayatevi i cavei e nasì a laorar.

Ci vediamo alla festa della Sparasina di Pigozzo che sta alla Sagra della Renga di Parona come il Festival del cinema di Venezia sta al Festival del cinema di Roma.

Ciao

Lebon James

11 11

 

P.S.

La morale: una sagra in mezzo a 2 statali. La Renga è la roba più salata dell’universo. 3o minuti di coda per i bigoli. Boni. Il tempo era bello, altrimenti…

Ci vai se: sei vuoi essere uno diverso devi venire qua. Anche se sei leghista. Anche se sei della Curva. Anche se del Mala

Se sei della Nosetta sei al limite. Interzona non si esprime.

Non ci vai: se in pausa pranzo non ti ci fanno andare. Se hai la puzza sotto il naso vai in piazza. Sei un vegetariano che non mangia anche il pesce vai dal libanese.

 

 

You might also like
X