fbpx

Wu Ming.

Ne abbiamo sempre sentito parlare. Eredi di Luther Blisset, sono ora prevalentemente ma non solo, un collettivo anonimo di scrittori.
Nei loro lavori non mettono mai il nome. E tantomeno compaiono in tv o su riviste. Per vederli, conoscerli, devi incontrarli di persona.
E’ quello che abbiamo fatto la settimana scorsa alla leggendaria Osteria Ai Preti. Completamente piena per l’occasione; alla facciazza di chi dice che con la cultura non ci si mangia
Wu_Ming_preti
Onestamente?!
Per quanto riguarda le presentazioni dei libri, siamo un po’ prevenuti. Ci aspettavamo il solito pacco dove un letterato ultra 60enne ci avrebbe smazzato le sue pippe mentali e autoreferenziali. Con tanto di classico momento delle domande del pubblico che non arrivano mai.
Beh, da bravi ignoranti, siamo stati totalmente smentiti.
Abbiamo conosciuto uno dei 4/5 Wu Ming: Giovanni.
Personaggio incredibile!
Meraviglioso scoprire, all’epoca del multimediale, del digitale, dei social e dei smart, il potere onirico della parola, dato ad una persona che sa farne un uso sapiente. In un attimo è stato in grado di portarci ed immergerci all’interno delle atmosfere de “L’Armata dei Sonnambuli”: il loro ultimo libro. Grazie anche alla temperatura ingestibile e l’olezzo di sudore dei Preti, abbiamo effettivamente respirato l’aria della Parigi in piena epoca rivoluzionaria.
Altrettanto interessante venire a conoscere l’impressionante lavoro di ricerca dietro alla stesura di un romanzo storico di 800 pagine. A voi sembrerà banale, ma mai ci saremmo aspettati tanta meticolosità, professionalità, passione … E cosa dire poi di tutta la fatica legata al coordinare il lavoro di 4 scrittori che contribuiscono allo stesso progetto, la fase di verifica e controllo dei testi?!
Beh, se eravamo prevenuti all’inizio siamo stati totalmente smentiti alla fine.
Morale? Andate a leggere, andate a conoscere gli scrittori e spegnete i monitor. E già che ci siete andate a leggervi tutta la storia di WuMing e Luther Blisset: pazzesco, in particolare lo sketch di “chi l’ha visto”.
You might also like
X