MARCELLO A.K.A. Salmoney

...è la nostra punta di diamante, talpa e investigatore dell'underground associativo veronese. Il suo lavoro è incontrare e conoscere le associazioni, il suo motto è "o nella rete Salmon o in quella del pescatore e riempimi il gotto", patito di cicche e balon è il salmone che non dorme mai.
Con la sua Panda-razzo del 2004 sta venendo a conoscervi, anche foste sulla luna.  

Il Salmon Monday parte con una proposta (per niente indecente) dell’Ufficio Turistico di Piazza Bra: distribuire le mappe del centro storico di Verona e dell’Arte realizzate da Salmon con l’Associazione Urbs Picta. Avete presente lo IAT, quell’ufficio in Piazza Bra punto di riferimento per ogni turista che passa a conoscere la nostra città!? Ecco, d’ora in poi troverete anche lì le mappe salmonate. Altro appuntamento leggendario è stato quello con Davide Peccantini di Quartiere vivo per parlare della pubblicazione del libro scritto da lui sulla storia di Borgo Milano e presentato nella Sala Convegni della Banca Popolare di Verona, il tutto organizzato dalla Fondazione Zanotto. Davide, tornato illuminato dopo qualche anno a Berlino e deciso a valorizzare la sua Verona, ha lanciato con un gruppo di amici fulminati, una delle pagine locali più seguite: https://www.facebook.com/storiadeiquartieriveronesi/  

La spedizione è poi continuata con la Fondazione Discanto di Mozzecane: mostre, musica, formazione….ce n’è per tutti!

Martedì 10 ottobre il salmon ambasciatore è poi tornato salmon studente all’Università di Verona per il welcome day rivolto alle matricole. Da esca a pescatore, il nostro salmone stalkera e ha catturato studenti e (ovviamente) studentesse per diffondere la parola di Salmone. L’Università è luogo di incontri con diverse associazioni che animano l’ateneo con rassegne, giornali, scambi universitari. “Pensavo di sentirmi un pesce fuor d’acqua e invece è stato bello rivivere da vecio la magnifica sensazione trash delle feste universitarie” commenta l’eroe. Tutto merito, probabilmente, della cover band di Tiziano Ferro. In totale hangover, canticchiando Xdono tra le strade veronesi, il nostro salmone affronta con ammirevole audacia il weekend: è la volta di Medici per la pace Onlus che opera in attività di cooperazione internazionale in Sud America, Asia e Africa realizzando nientepopodimeno che iniziative e progetti socio-sanitari sul territorio veronese. Poi tocca all’Associazione Le Fate che promuove l’integrazione sociale del territorio. Come? Attraverso percorsi che diano a ciascuno l’opportunità di coltivare potenzialità e inclinazioni, a partire dai propri punti di forza.

Write a response … Close responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also like
X