Dicembre, 2018

21Dic21:0022:30Al disertore21:00 - 22:30 Teatro OrlandiTipologia evento:cinema

Dettagli evento

Le Falìe
presentano
AL DISERTORE
un film di Alessandro Anderloni

Velo Veronese, Teatro Orlandi
Venerdì 21, domenica 30 dicembre 2018, ore 21.00
Mercoledì 2 gennaio 2019, ore 21.00
Ingresso € 5
Prenotazioni scrivendo a: lefalie@lefalie.it

A cento anni dalla fine della Grande Guerra, la storia di Alessandro Anderloni, nato a Velo Veronese nel 1881 e ucciso dai carabinieri a San Rocco di Piegara nel 1917 per aver disertato il Fronte dell’Ortigara, diventa un film tratto dall’omonimo spettacolo teatrale de Le Falìe.

scritto e diretto da Alessandro Anderloni
con Giorgia Albi, Nadia Albi, Alessandro Anderloni, Elisa Anderloni, Giulia Biasi, Irene Castagna, Brenno Corradi, Giulia Corradi, Massimo D’Agostino, Leonardo Dalla Bà, Gabriella Dalla Brea, Mauro Dalla Valentina, Matteo Ferrari, Vito Massalongo, Nicola Menegazzi, Manuela Pomari, Nella Pozzerle, Beniamino Ramponi, Martina Roncari, Luisa Sartori, Filippo Scardoni, Marcello Scardoni, Paolo Stringhini Ciboldi, Carolina Tezza, Luca Todesco, Elisabetta Villa, Fabio Vinco, Michele Zampieri
fotografia Stefano Bellamoli
suono Samuele Tezza
operatori di ripresa Paolo Bonomi, Filippo Rezzadore
costumi Chiara Defant, Giulia Corradi
scenografie Luigi Castagna
trucco Giorgia Albi
musica Alessandro Anderloni
arrangiamenti Thomas Sinigaglia

prodotto da Le Falìe

Orario

(Venerdì) 21:00 - 22:30

Luogo

Teatro Orlandi

Piazza Vittoria, 1, 37030 Velo Veronese

Teatro OrlandiPiazza Vittoria, 1, 37030 Velo Veronese L’idea di costruire un edificio che ospitasse un salone per il cinema e il teatro venne nel 1940. «La guerra ne impedì la realizzazione», scrive don Marcellino Orlandi, parroco di Velo Veronese, nel libretto pubblicato nel 1948, quando finalmente si riuscì a portare a termine l’opera. Il “Patronato Caduti”, dedicato ai sessanta morti delle due guerre mondiali, costò alla comunità di Velo Veronese otto milioni di lire, «tre dei quali in prestazioni gratuite» aggiunge don Orlandi. Anche lui venne fotografato con carriola e badile sul cantiere che restò aperto un anno soltanto. Un’altra immagine ritrae il reparto della “Terribile”, gli anziani del paese, pure loro al lavoro. Nel libretto vennero pubblicati i nomi, le offerte di denaro e le giornate di lavoro gratuite. Donazioni arrivarono dalle associazioni di volontariato, da molti benefattori fuori paese e dagli emigrati all’estero. «Pubblichiamo anche le offerte piccole di numeri ma grandi e commoventi per il cuore che le ha accompagnate», scrisse il parroco. E davvero commuove leggere i nomi dei tanti che contribuirono e lavorarono, citati a uno a uno, contrada per contrada. Una comunità intera credette in un’idea e la realizzò, donando e lavorando gratuitamente. Settant'anni dopo, Velo Veronese torna a “ricostruire” il suo teatro. Ai contributi della Regione Veneto, del Comune di Velo Veronese e della Fondazione Cariverona, si sono aggiunti – per arrivare a coprire i costi del restauro – le iniziative di raccolta fondi che Le Falìe (la compagnia teatrale e il coro di Velo Veronese diretti da Alessandro Anderloni) hanno promosso, coinvolgendo i loro compaesani e tanti meravigliosi benefattori che, da ogni dove, stanno contribuendo generosamente. Nel nuovo teatro di Velo Veronese Le Falìe continueranno a raccontare e a cantare storie e a inventare i giorni.

X